Soluzioni di valore per le aziende | IPQ

News

IL SISTRI ABOLITO MA...

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 14 dicembre 2018 è stato pubblicato il decreto legge n. 135 del 14 dicembre 2018 “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”.

L’articolo 6 di tale decreto dispone che dal 1° gennaio 2019 sia soppresso il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) e che fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti organizzato e gestito direttamente dal Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, la tracciabilità dei rifiuti sia garantita attraverso il registro di carico e scarico e il formulario di identificazione dei rifiuti, come previsto agli articoli 188, 189, 190 e 193 del D.Lgs. 152/2006 nel testo previgente alle modifiche apportate dal DLgs 205/2010.

Con la successiva Legge di conversione approvata lo scorso 7/2/19, conferma la soppressione del SISTRI, ed istituisce il “Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti” cui dovranno iscriversi “Enti e Imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, i produttori di rifiuti pericolosi e gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi, i Consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché, con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all’art. 189, comma 3, del D.Lgs 152/06”.

Per l’operatività del nuovo sistema occorrerà attendere apposito Decreto del Ministero dell’Ambiente che definirà tempistiche, modalità organizzative e adempimenti a carico degli operatori.

 

CONTATTACI, saremo lieti di darti maggiori informazioni