Soluzioni di valore per le aziende | IPQ

News

Scadenze Ambiente Sicurezza fine 2015

AUDIT ENERGETICO

Entro il 5.12.15 hanno l’obbligo di effettuare una diagnosi energetica:

  • le Grandi imprese (impresa con 250 o più occupantioppure ogni impresa, anche con meno di 250 occupanti, con un fatturato> superiore a 50 milioni di euro e un bilancio > ai 43 milioni di euro) e
  • le Imprese a forte consumo di energia (c.d. imprese energivore: aziende che nel corso dell'annualità abbiano utilizzato per lo svolgimento della propria attività almeno 2,4 GWh di energia elettrica oppure almeno 2,4 GWh di energia diversa dall'elettrica e per cui il rapporto tra il costo effettivo del quantitativo complessivo dell'energia utiilizzata per lo svolgimento della propria attività, ed il valore fatturato, non sia inferiore al 3%).

Gli esiti degli audit sono da trasmettere ad ENEA -  unitamente a tutta la documentazione richiesta - entro e non oltre il 22.12.15.

In data 14 ottobre 2015 il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha aggiornato le Frequently Asked Question relative.

Si ricorda che le imprese obbligate che non effettuano la diagnosi energetica sono soggette ad una sanzione amministrativa pecuniaria da 4.000 a 40.000 euro. Quando la diagnosi non è effettuata in conformità alle prescrizioni di cui all’articolo 8, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 a 20.000 euro.

Riferimenti normativi –D.Lgs 102/2014

 

IMPIANTI TERMICI CIVILI

Entro il 31.12.2015 per gli impianti termici civili (ossia la cui produzione di calore è esclusivamente destinata, anche in edifici ad uso non residenziale, al riscaldamento o alla climatizzazione invernale o estiva di ambienti o al riscaldamento di acqua per usi igienici e sanitari) di potenza termica nominale superiore 0,035MW e in esercizio al 29.4.2006, il libretto di centrale deve essere integrato, a cura del responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto, da un atto in cui si dichiara che l'impianto è conforme alle caratteristiche tecniche di cui all'articolo 285 ed e' idoneo a rispettare i valori limite di cui all'articolo 286.

Il libretto dovrà essere inoltre integrato con l'indicazione delle manutenzioni ordinarie e straordinarie necessarie ad assicurare il rispetto dei valori limite di cui all'articolo 286.

Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto provvede ad inviare tali atti integrativi all'autorità competente entro 30 giorni dalla redazione.

Riferimenti normativi – Art. 284 D.Lgs 152/06 e scadenza prorogata dal DL 91/14 (convertito con Legge 116/14).

 

EMISSIONI IN ATMOSFERA

Il 31.12.2015 scade il periodo di riferimento entro cui anche gli ultimi stabilimenti autorizzati ai sensi del DPR 203/1988 (ad esclusione di quelli dotati di autorizzazione generale che sono sottoposti alla disciplina di cui all'articolo 272, comma 3 per cui il rinnovo/adesione è scaduto nel 2011), devono presentare una nuova domanda di autorizzazione ai sensi dell'articolo 269.

Il calendario di dettaglio doveva essere definito, nel rispetto dei termini del Decreto nazionale, dalle singole Regioni e Province autonome.

Ad esempio per Regione Lombardia, l’ultima fascia di adeguamento riguarda le autorizzazioni rilasciate dal 1/1/2003 al 29/4/2006: domanda di rinnovo da presentarsi tra 1/1/2015 e 31/12/2015.

In assenza di specifici calendari regionali/provinciali, la domanda di autorizzazione doveva/deve essere comunque presentata nei termini stabiliti dalla 152/2006, ossia:

a) tra il 29/4/2006 ed il 31 dicembre 2011, per stabilimenti anteriori al 1988;
b) tra il 1° gennaio 2012 ed il 31 dicembre 2013 , per stabilimenti anteriori al 2006 che siano stati autorizzati in data anteriore al 1° gennaio 2000;
c) tra il 1° gennaio 2014 ed il 31 dicembre 2015 , per stabilimenti anteriori al 2006 che siano stati autorizzati in data successiva al 31 dicembre 1999.

Si ricorda che la mancata presentazione della domanda nei termini, inclusi quelli fissati dai calendari locali, comporta la decadenza della precedente autorizzazione.

Riferimenti normativi – Art. 281 D.Lgs 152/06

LEGGI anche In vigore dal 1 gennaio 2016