Soluzioni di valore per le aziende | IPQ

News

Emissione sostanze inquinanti

COMUNICAZIONE GAS SERRA (EMISSION TRADING): scadenza 31/03/2018

Le emissioni di gas effetto serra devono essere monitorate dal gestore dell’impianto, per ciascun anno civile dell’impianto, secondo quanto stabilito dalle disposizioni sul monitoraggio e conformemente al Piano di monitoraggio approvato dal Comitato Nazionale (interno al Ministero Ambiente). 

Il quantitativo delle emissioni va comunicato al Comitato secondo il formato e le modalità dallo stesso stabilite ed iscritte nel Registro dell'Unione, entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello cui il monitoraggio si riferisce.

Riferimenti normativi: D.Lgs. Governo 13 marzo 2013, n. 30


AIA IPPC COMUNICAZIONE REGISTRO EUROPEO DELLE EMISSIONI E DEI TRASFERIMENTI DI INQUINANTI (PRTR):
scadenza 30/04/2018

Il gestore di ciascun complesso soggetto a disciplina AIA che intraprende una o più delle attività di cui all’allegato I al Reg. 166/2006/CE al di sopra delle soglie di capacità applicabili specificate nell’allegato stesso, è tenuto alla comunicazione annuale, entro il 30 aprile, i quantitativi relativi agli eventi di cui all’art. 5 del Reg. 166/2006/CE stesso.

Riferimenti normativi:Regolamento CEE/UE 18 gennaio 2006, n. 166


DICHIARAZIONE F-GAS
: scadenza 31/05/2018

La Dichiarazione F-Gas è una comunicazione annuale, contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati per le apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento, pompe di calore ed impianti fissi antincendio con una carica di refrigerante pari o superiore ai 3 kg; essa deve essere inoltrata all’ISPRA, attraverso il portale Sinanet entro il 31 maggio di ogni anno, anche in assenza di modifiche o interventi sulle apparecchiature.

Riferimenti normativi:Decreto Presidente Repubblica 27 gennaio 2012, n. 43


MODIFICHE D.lgs. n.152/06 - EMISSIONI ATMOSFERA

È stato pubblicato il D.lgs 183 del 15/11/17, in vigore dal 19 dicembre 2017, il quale va a modificare la Parte Quinta del D.Lgs 152/2006:

  • sia per quanto concerne i medi impianti di combustione (impianti di potenza termica inferiore a 50 MW e superiori a 1 MW). Art. 273 bis
  • sia attraverso un complessivo riordino della normativa sugli stabilimenti che producono emissioni in atmosfera.


Ad esempio:

  • Aggiunto art. 273 bis - Medi impianti combustione
  • Nella domanda di autorizzazione relativa a stabilimenti in cui sono presenti medi impianti di combustione devono essere indicati anche i dati previsti all'allegato I, Parte IV-bis, alla Parte Quinta
  • In Allegato I, Parte III, alla Parte Quinta sono riportati i nuovi valori di emissione per specifiche tipologie impianti (inclusi Imp. Combustione) che pertanto saranno presi in considerazione in fase istruttoria AIA
  • Esclusione “applicazione autorizzativa” per gli sfiati/ricambi aria (ma solo per garantire buon microclima)
  • Aggiunto art. 272bis – “Emissioni odorigene”.
  • Novità per impianti termici civili


Come scadenze relative alle emissioni ricordiamo che, entro il 31 maggio di ogni anno, i gestori dei grandi impianti di combustione (con potenza termica di combustione di oltre 50MW) sono tenuti ad inviare la comunicazione all’ISPRA descritta all’art. 274 comma 4 del D.lgs 152/06.

Riferimenti normativi:Decreto Legislativo n.183, 15 novembre 2017 e Decreto Legislativo n.152, 3 aprile 2006